Rc auto. Una guida al risparmio per i più giovani

AssRisparmiare sulla classe di merito delle polizze assicurative Rc auto si può. Il dilemma cui si trova dinanzi ogni neopatentato che voglia acquistare una macchina è solitamente come risolvere l’annoso problema relativo al costo particolarmente elevato dell’assicurazione.

La classe per chiunque stipuli l’assicurazione per la prima volta è infatti la 14. Sovente l’espediente più utilizzato è quello di intestare l’automobile e la polizza ai propri genitori, portatori di una classe più bassa. Ciò, però, se nel breve periodo può costituire un vantaggio, si rivela poi un boomerang nel lungo termine. Infatti, non appena l’automobilista intesterà a sé la vettura – passo che prima o poi dovrà compiere – ritorna nel baratro della 14esima classe.  

Tuttavia una soluzione per ovviare al problema c’è sebbene essa sia riservata solo ai ragazzi che non abbiamo superato i 25 anni d’età.

Il Decreto Bersani infatti consente ai neopatentati di ereditare la classe di merito di un familiare convivente (madre, padre, figlio, fratello, sorella) a patto che si tratti di un veicolo che si aggiunge a quelli già in possesso della famiglia (sia nuovo che usato).  

Casi in cui non ciò non può avvenire.

Non è possibile ereditare la classe di un parente se non è nello stesso stato di famiglia (ad esempio, un figlio che non ha più la residenza con i genitori non può ereditare la classe di merito del proprio padre).  

Quando può essere trasmessa la classe.

Essa può essere trasmessa solo tra veicoli della stessa categoria: per esempio, solo tra una automobile e un’altra automobile, tra un motociclo e un altro motociclo, e non già invece tra un’auto e una moto.   Non si ereditano classi all’interno di aziende, né tra parenti ed azienda di famiglia.  

Documenti da presentare.

Per ereditare la classe di merito del parente è sufficiente recarsi presso una agenzia di assicurazioni e presentare i seguenti documenti:  

1) copia dello stato di famiglia, reperibile all’anagrafe del vostro comune di residenza o tramite autocertificazione (i moduli sono reperibili on line sul portale italiano della modulistica);

2) attestato di rischio del parente che vive con voi con la classe di rischio bonus/malus più bassa, reperibile presso l’agenzia assicurativa;

3) libretto di circolazione della vostra vettura (se si tratta di un’auto usata, è necessario il passaggio di proprietà).

Tiny URL for this post:
 

Posted in: Guide

I Commenti sono disattivati.

error: Content is protected !!